Alimenti e bevande

Come cucinare il pesce spada

Il pesce spada è un alimento di facile reperibilità, gustoso e che si presta a una grande varietà di ricette, tutte molto semplici. Con il pesce spada si possono preparare molti secondi, ma anche diversi primi e antipasti. Vediamo allora tutte le possibilità che abbiamo nel cucinare il pesce spada.

Il pesce spada marinato

Un buon antipasto, semplice è sfizioso è il pesce spada marinato. Per prepararlo dovete tagliare il pesce spada in fettine sottili. Stendetelo poi in una pirofila. In una ciotola raccogliete del succo di limone e aggiungeteci un filo d’olio. Se volete, potete aggiungere anche del succo di arancia o dell’aceto se vi piacciono i sapori più decisi. Irrorate ogni strato di pesce spada nella teglia con questo composto liquido e aggiungete del pepe rosa e della scorza di limone o di arancia. Finito questo procedimento, lasciate il tutto in frigo a riposare per un paio di ore. Passato questo tempo potete servire questo delicato antipasto freddo.

Il primo di pesce spada

Gli spaghetti al pesce spada sono un primo tanto facile nella preparazione, quanto delicato al palato. Per cucinarlo abbiamo bisogno di pomodorini, aglio, pesce spada, olive e spaghetti (o se preferite linguine). Mentre aspettate che l’acqua arrivi a ebollizione, fate soffriggere l’aglio per qualche minuto in olio d’oliva, per poi rimuoverlo. Mettete nella padella i pomodorini tagliati a metà, salate appena appena e lasciateli cuocere per qualche minuto. Aggiungete a questo punto anche le olive snocciolate. Quando l’acqua è pronta per la pasta, salatela e metteteci dentro gli spaghetti. Nel frattempo tagliate il pesce spada a cubetti di pochi centimetri e cinque minuti prima che la pasta sia cotta, aggiungete il pesce ai pomodorini e alle olive in padella e condite con un po’ di pepe. Scolate la pasta, saltate il tutto e servite.

I secondi con il pesce spada

Anche come secondo il pesce spada si presta a una miriade di utilizzi. Qui ne descriveremo due, perché sono tra i più semplici e veloci, ma non per questo meno gustosi, di cucinare il pesce spada. Cominciamo con il pesce spada alla griglia. Anche se non avete un giardino con barbecue, per cucinare il pesce spada alla griglia potete servirvi di una delle tante griglie da cucina che si riscaldano sui fornelli. Prima di metterci il pesce spada sopra, bagnatelo in un composto fatto di limone, un filo d’olio, e spezie a vostro piacere (potete usare l’aglio, il timo, il rosmarino e così via). Durante la cottura, assicuratevi di girare il pesce spada almeno una volta e di non cuocerlo troppo per non farlo diventare secco. Durante la cottura irrorate pure il pesce con lo stesso composto liquido in cui lo avete immerso precedentemente. Infine salate e servite con il po’ di prezzemolo tritato e limone. L’altro secondo di pesce spada è quello al cartoccio che utilizza il forno invece della griglia. Prendete un bel pezzo di carta forno e disponeteci sopra una fetta di pesce spada. Sopra il pesce mettete un po’ di aglio e prezzemolo tritati, sale, pepe e un filo d’olio. Se lo preferite più “succoso”, potete anche aggiungere un sorso di vino bianco, qualche pomodorino e qualche oliva denocciolata. Chiudete il tutto come in un cartoccio e infornate a 180 gradi. Il pesce spada deve cuocere mediamente trenta minuti, ma molto dipenderà dallo spessore dei tranci che può suggerire un tempo leggermente inferiore o leggermente superiore. Finita la cottura, portate pure in tavola.